Huawei è morto! (o forse no) – Huawei cosa cambierà ?

   

Huawei è morto! (o forse no) – Huawei cosa cambierà – Google ha rotto con Huawei 

Huawei è morto! (o forse no) - Huawei 2019 cosa cambierà

Google sospende Huawei dai servizi Android:  Il gigante tecnologico cinese sarà costretto a utilizzare la versione base del sistema operativo. Ecco l’inizio di una guerra fredda

Huawei è morto! (o forse no) - Huawei cosa cambierà

Dopo il “divorzio” voluto dall’America e da Google, Huawei ha detto che sarà in grado di implementare il proprio sistema operativo di telefonia mobile “molto rapidamente” se i suoi smartphone saranno tagliati fuori dal software Android di Google.

Il secondo produttore mondiale di smartphone sta affrontando la prospettiva di essere escluso dal sistema operativo per smartphone più famoso al mondo dopo essere stato inserito in una lista di “entità vietate” dalla Casa Bianca, che vieta alle compagnie statunitensi ogni rapporto con Huawei.

Huawei, che lo scorso anno ha venduto 200 milioni di telefoni, ha promesso ai propri clienti che i loro attuali telefoni continueranno a funzionare e avranno accesso al Play Store di Google per scaricare e acquistare app. Questi telefoni, infatti, sono certificati in modo che Google possa fornire aggiornamenti e download senza passare per Huawei.

Il gigante cinese si affida anche a chip di silicio prodotti da aziende statunitensi, tra cui Qualcomm e Intel, e Watkins (vicepresidente di Huawei per l’Europa occidental) ha dichiarato che la società ha accumulato cinque anni di pezzi di ricambio per i suoi telefoni e un anno di componenti per le nuove produzioni.

Se Google blocca Huawei da Android, che viene utilizzato su quasi tre quarti dei telefoni cellulari del mondo e offre più di 2,5 milioni di app, la società cinese sarà comunque in grado di utilizzare la versione base open source del software.

I futuri smartphone Huawei (stando così le cose) perderanno l’accesso ad app come YouTube, Gmail e Maps, al Google Play Store e agli aggiornamenti di sicurezza da esso forniti. Ciò potrebbe avere un grave impatto sulla loro attrattiva per i consumatori al di fuori della Cina (dove tra l’altro molte app di Google sono già state vietate).

 

Huawei è morto! (o forse no) – Huawei cosa cambierà ?

In che modo il divieto di Android influirà sugli utenti di Huawei?

Circa un quarto di tutti i telefoni venduti nel Regno Unito sono realizzati da Huawei della Cina e basati sul sistema operativo Android di proprietà di Google.

A livello globale, Huawei ha avuto quasi il 19% del mercato degli smartphone nel primo trimestre di quest’anno,  rendendolo il secondo più grande venditore dietro Samsung.

 Google ha rapidamente chiarito che Google Play, il suo app store e Google Play Protect, il suo software per la sicurezza degli smartphone, continueranno a funzionare per le persone che già possiedono uno smartphone o tablet Huawei costruito su Android.

Al momento, gli utenti attuali non sono interessati. Ma non è chiaro come si evolverà la situazione.

Apple e Samsung ringraziano!Huawei è morto! (o forse no) - Huawei 2019 cosa cambierà

 

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. Le informazioni contenute in questo sito, pur fornite in buona fede e ritenute accurate, potrebbero contenere inesattezze o essere viziate da errori tipografici. Gli autori del sito si riservano pertanto il diritto di modificare, aggiornare o cancellare i contenuti senza preavviso. Gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy e, in ogni caso, ritenuti inadatti ad insindacabile giudizio degli autori stessi. Alcuni testi o immagini inserite in questo sito sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo a redazione@salvatorepatti.it. Saranno immediatamente rimossi. Gli autori del sito non sono responsabili dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.

Vuoi rimanere aggiornato?

Iscriviti alle nostre Newsletter 

Commenti

commenti

Sono un progettista di impianti presso lo studio associato VPengineering.Mi occupo della progettazione di impianti elettrici, impianti idrici antincendio, impianti di ventilazione e climatizzazione.Sono esperto in gestione e risparmio dell’energia.Da qualche tempo, ho trasformato la mia passione per la scrittura in lavoro. Mi occupo della stesura di contenuti originali e ottimizzati per il web.Scrivo per svariati Blog e Magazine come Freelancer. Oltre alla creazione di contenuti per il web, progetto e realizzo siti internet come blog, magazine ed e-commerce.
WhatsApp chat